Dopo anni di attesa, dopo anni di progetti fatti e archiviati (fra i tanti partoriti dagli amministratori capitolini del passato c’era pure quello che prevedeva la sua interruzione a ogni passo carrabile…) alla fine – grazie all’impulso della giunta 5 Stelle – la ciclabile Nomentana è diventata realtà.

Un tracciato di circa 4 chilometri, da Porta Pia al quartiere di Montesacro, nella parte nord-est della città.
Contestato dal “partito della maghina” che trova sponda soprattutto in una certa parte politica (contraria alle corsie preferenziali protette, alla lotta alla seconda fila, alle ZTL, alle pedonalizzazioni), avversato dagli orfani del parcheggio selvaggio sul marciapiede, criticato da quelli che “tanto non la usa nessuno“, questo progetto di nuova mnobilità sostenibile ha alla fine visto la luce.

Grazie ai lavori di costruzione del tracciato è stato possibile realizzare anche opere di riqualificazione che valorizzano tutto il percorso: quello della Nomentana è infatti un progetto che rende più fruibile la strada anche ai pedoni. Nuovi marciapiedi quindi e un’illuminazione adeguata, al servizio dei tanti cittadini che vogliono percorrere una delle principali arterie della Capitale in bici o a piedi. E oltre oltre quaranta nuovi alberi piantumati lungo il suo percorso.

Non solo una ciclabile quindi, ma un’opera ciclo-pedonale dal centro alle zone più periferiche, che rientra in un piano più ampio per dotare la Capitale di nuovi spazi dedicati alla mobilità dolce e sostenibile come testimoniato dalle tante piste ciclabili realizzate in questi ultimi anni in tutta Roma; un’inversione di tendenza rispetto a una politica del trasporto pubblico incentrata unicamente sul mezzo privato.
Le centinaiaia di ciclisti che quotidianamente la percorrono, compresi bambini che vengono accompaganati a scuola su due ruote e non più su quattro, testimoniano che questa è la politica vincente. D’altronde se è una politica seguita in tutto il mondo ci sarà pure un motivo.

Dalle ciclabili alle isole pedonali e ambientali: interventi che sono anche occasione per riorganizzare l’asse viario e regolarizzare il traffico, dando un nuovo volto a interi quartieri della nostra città.
Anche il nostro Municipio, grazie all’amministrazione Raggi, è stato interessato da questo importante progetto finalmente portato a compimento dopo anni di sterile immobilismo istituzionale.

[la mappa è ricavata dal sito Bikeitalia]

Tags:

Comments are closed

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO