AREA TEMATICA:

La riforestazione del Parco di Villa Ada (uno di parchi più grandi di Roma con i suoi 180 ettari di verde) rientra in un programma d’intervento che riguarda tre diverse aree: Monte Antenne, la sughereta e il declivio verso il lago superiore (alle pendici del colle Cavalle Madri).

A deliberare in tal senso la Giunta di Roma Capitale, che ha accolto la misura approvata già nel Bilancio Partecipativo 2019 grazie alle decisioni prese insieme ai cittadini.
Per il Parco di Villa Ada, nel Municipio II, in risposta alla forte richiesta delle associazioni e dei comitati, si è scelto di intervenire sugli alberi che corso degli ultimi anni, avevano subito un processo di impoverimento derivante dall’invecchiamento del patrimonio arboreo e da eventi meteorologici molto intensi come, ad esempio, la nevicata del 2012.

Nella Villa, come nelle altre aree individuate, Monte Antenne, la sughereta, fino al declivio verso il lago superiore, sono in corso interventi per ripristinare le stesse specie arboree attualmente presenti, che sono principalmente: Pinus pinea, Quercus suber e Quercus ilex.
In aggiunta, sono messi a dimora alcuni esemplari di Cupressus sempervirens (Cipresso), Cedrus deodara, Cedrus libani, e alcuni arbusti della macchia mediterranea come Genistae (Ginestre), Arbutus unedo (Corbezzoli) e Juniperus communis (Ginepri).

Si tratta di valorizzare e rimpinguare un patrimonio collettivo inestimabile naturale e paesaggistico che si traduce in cura e futurizzazione dell’intera città. Grazie all’appalto triennale per la manutenzione del verde verticale, si è proceduto anche all’eliminazione del rischio rappresentato da piante secche (circa una ventina di alberi dentro la villa). Interventi programmati sulla base di verifiche tecniche certificate. Il bilancio arboreo è ampiamente positivo con + 4182 alberi messi a dimora sul territorio capitolino. Piantare alberi vuol dire investire sul benessere di tutti i cittadini, in particolare dei più giovani, creando spazi belli e sicuri dove farli giocare.

Alla rigenerazione dell’intero patrimonio botanico della villa è, inoltre, destinato complessivamente un milione di euro, mentre oltre 755mila euro sono finalizzati alla riqualificazione del casale della Finanziera e messa in sicurezza di altri edifici. Altri 150mila euro sono stanziati per interventi di manutenzione dei viali. Ulteriori cospicui investimenti anche sul ripristino funzionale dei bagni pubblici e sulle aree ludiche della villa.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO